domenica 25 settembre 2016

Il cuore di Quetzal - Recensione

Buonsalve Readers!
Eccomi tornata!

Avete notato nulla di nuovo?? Il Blog ha cambiato look! Beh... non è ancora quello da me desiderato, ma volevo cambiare un pò, e in attesa di creare una grafica del tutto personale ne ho scelta una già pronta, disponibile su alcuni siti!
Cosa ne pensate?? Se non vi piace la cambio subito!
E cosa ne dite del nuovo logo??
Fatemi sapere tutto nei commenti!! 

Ma..le novità non sono finite...
Ho terminato uno dei miei due Currently Reading!

Risultati immagini per il cuore di quetzalTitolo: Il Cuore di Quetzal
Autore: Gianluca Malato
Pagine: 300 (circa)
Prezzo: 3.99
Formato: Ebook
Editore: Nativi Digitali
Genere: Fantasy, sword and sorcery

"E' nella ricerca continua la vera chiave della conoscenza. La ricerca senza fini, pura e fine a se stessa"

Trama: Il protagonista del libro è Baltak, un mercenario freddo e riservato, che vaga per le terre di Midgard accettando i lavori più pericolosi e cruenti. Non ha una patria, o una bandiera, lavora per chi lo paga meglio. Niente di più.
Risultati immagini per il cuore di QuetzalUna missione in particolare, la ricerca del Dio Quetzal, la cui scomparsa sta causando una guerra tra umani e giganti, lo porta sulle tracce della Terra delle Nebbie, dominata dal malvagio Loki e dal suo seguace Regas. L'avventura di Baltak, tra scontri di magia, indagini, tradimenti e trappole, rivelerà progressivamente il mistero che si cela dietro tutta la vicenda e soprattutto dietro lo stesso protagonista: egli padroneggia le rune, poteri tipici dei druidi; Ma no, non è un druido. E di chi è la voce di tenebra che lo accompagna e lo tormenta continuamente?

Recensione: 
So perfettamente che non si dovrebbe giudicare un libro dalla copertina, ma quando mi sono ritrovata il catalogo della Nativi Giditali davanti agli occhi, questo è stato uno dei libri che mi aveva colpita per la copertina e per il titolo. Non leggo quasi mai un libro perchè mi dicono di farlo: il lettore deve "sentire" il libro ancora prima di aprirlo, deve scattare qualcosa immediatamente. E fu così che Il Cuore di Quetzal  arrivò nella mia libreria digitale.


Risultati immagini per il cuore di Quetzal


Sono rimasta piacevolmente colpita dalla trama di questo libro che si ispira palesemente alla mitologia nordica, che a mio parere è particolarmente affascinante. Fra gli dei che interagiscono con gli uomini ritroviamo i famosi Odino e Thor, e non può mancare Loki. Ritengo che la vicenda sia stata sapientemente costruita e gestita e, sebbene questo aspetto sia scontato, bisogna ammettere che non tutti gli scrittori ne hanno la capacità.

A parte Licia Troisi non ho mai letto altri fantasy. E' un genere rischioso. Bisogna saperci fare davvero, ma bisogna anche "allenarsi". Se proprio devo essere sincera, oltre ad essere interessata a questo libro, era preoccupata, timorosa del risultato. Non per l'autore.. sia chiaro.. non mi permetterei mai. Gli scrittori italiani hanno molto da offrire, ma non credo che il genere Fantasy sia il  più consigliato per essi stessi. Per un motivo molto semplice: Abbiamo sempre rifiutato il gotico, il romanticismo, il simbolismo, il decadentismo, o quei movimenti letterari un pò "oscuri" nelle trame o nei protagonisti. Se ripercorrete quanto studiato in letteratura, (e chi non ha ancora affrontato questi argomenti, probabilmente in futuro mi darà ragione),  ricorderete che nei periodi letterari sopra citati, gli scrittori italiani sono sempre stati legati alla tradizione, a quei valori che hanno dato vita all'ampia quantità di classici per cui siamo famosi. Rifiutavano l'occulto, il misterioso, le streghe, i fantasmi...dalla fine del 700 fino al 900 c'è stato un grande progresso letterario. Ma gli italiani si sono sempre mantenuti fermi sulle proprie idee. Quanti scontri tra letterati. Quante volte gli autori stranieri hanno consigliato agli italiani di allargare gli orizzonti, e quante volte gli italiani hanno screditato quella che invece era l'essenza dei paesi nordici? Dove si credeva nella magia, nella stregoneria, nel male come nel bene....se vogliamo ricollegarci al libro. 
Insomma..ogni volta che c'è da leggere un fantasy...studio un pò la situazione. 
"L'amore...un altro bel ricordo da aggiungere alla collezione di momenti felici trascorsi prima di quel maledetto giorno in cui la sua vita cambiò per sempre. Un altro scorcio dell'esistenza che gli era stata negata, un altro frammento di paradiso che aveva vissuto e che non potrà mai più riavere. " 
Il cuore di Quetzal purtroppo non rientra nella lista dei miei libri preferiti, ma leggerlo è stato molto piacevole! Ho particolarmente apprezzato la sintonia presente tra lo stile e la trama. Suppongo che l'autore si sia concentrato molto sulle parole da usare.. cosa ovvia, per carità... se non lo fanno gli scrittori, non so chi lo possa fare. Quel che intendo dire è che: l'autore è riuscito a far apparire realistica ogni singolo fatto, grazie a una descrizione molto accurata dei luoghi, delle sensazioni, senza mai essere prolisso o ripetiitivo. 
La vicenda ripercorre contemporaneamente il presente e il passato di Baltak, attravero l'uso dei flashbacks, ma anche qui.. senza mai annoiare! La narrazione mi è sembrata molto organica nel complesso, oltre che fluida e di facile lettura. 
Purtroppo però...il libro non mi è entrato dentro, non sono riuscita ad entrare del tutto in sintonia con il testo. Non so il motivo.. ma potrei essere la pecora nera della situazione. Ho letto le altre recensioni fin ora disponibili, e il libro è piaciuto! In realtà è piaciuto anche a me.. non riuscivo a staccare gli occhi dall'e-reader! Mi ha presa moltissimo.. però..mi è mancato quel quid... non so! Vedremo con i sequel come andrà! 
In generale, l'autore ha fatto un buon lavoro! Ed è un libro che consiglio di leggere! 

"Quando imparerai ad accettare questa verità, quando imparerai che il dolore non è un nemico, ma una parte di ciò che sei, allora imparerai a controllarlo. E se potrai controllarlo, non lo temerai più.."
Voto: Risultati immagini per tre stelle e mezzo


Voi l'avete letto? Avete intenzione di leggerlo?
Fatemi sapere..
Martina!

1 commento:

  1. Grazie mille per la recensione! Sono lieto che ti sia piaciuto!

    RispondiElimina

Se ti è piaciuto il post, lascia un segno del tuo passaggio e unisciti ai lettori fissi del blog!

Popular Posts