Che aspetti? Vinci una copia!

08 mag 2017

Recensione - Afrodite Bacia tutti



Buonsalve miei intellettuali!
Oggi vi propongo la recensione di una raccolta di racconti molto particolare!

Titolo: Afrodite bacia tutti
Autore: Stefania Signorelli
Pagine: 184
Prezzo: 9.90
Editore:  Prospero Editore



Miti greci sonnecchiano, ma non troppo, in corpi contemporanei. Perché gli dèi non solo non sono morti, ma godono di ottima salute. Abitano in questi tredici racconti "caleidoscopio" Mida, che non è un re ma ha il vizio dell'oro e teme di condividerlo con gli sbarcati; Narciso, che ama solo se stesso e i selfie che lo ritraggono; Ercole, manovale malinconico con ex moglie molto a carico; Penelope, fedele a una città perduta; la bella Elena, che perde, alla lettera, la propria testa per Paride; Achille, responsabile aziendale delle risorse umane più che annoiato dalla mediocrità che lo circonda; Afrodite, sospirata da tutti (marito Efesto compreso); Pandora, che ha per vaso la propria mente e tenta invano di nasconderci ogni paura; Persefone, in crisi matrimoniale; Arianna, che ha perduto sia Teseo che il filo. E se Anchise è parcheggiato in casa di riposo, ovviamente Megera non può che essere un'ex fidanzata vendicativa quanto machiavellica.


Innanzitutto ringrazio l'autrice per avermi contattata e gentilmente proposto la lettura del testo, al quale, da ferrata classicista, non ho potuto resistere.
Ho trovato "Afrodite bacia tutti" un simpatico e intelligente modo di rivisitare i vecchi miti greci (che io ho sempre amato).
Ho apprezzato, inoltre, la grande saggezza contenuta nelle pagine, a volte celata e volte lapalissiana.

Il Libro è articolato in una serie di mini-racconti che vedono protagonisti i personaggi più importanti della mitologia greca: Afrodite, Efesto, Megera, Persefone, Teseo, Ulisse, Achille... etc etc. E' come se l'autrice avesse riportato quelle vicende ai nostri giorni, nel nostro mondo, e i personaggi non fanno altro che affrontare le famose questioni con i nostri mezzi. Ma Stefania si pone anche l'obiettivo di lanciare dei messaggi. Non mancano infatti i riferimenti agli aspetti "ridicoli" della nostra società.  A tal proposito sono rimasta colpita dalla figura di Narciso. Egli, innamorato di se stesso, è stanco del mondo, delle persone che non fanno altro che innamorarsi di lui, e alle quali lui non potrà donare la benché minima attenzione, perché rivolta tutta a se stesso. Non esce da casa da 2 anni, perché preferisce la vita dei social!
Come in qualsiasi libro, ci sono stati capitoli più interessanti di altri, e in alcuni ho trovato degli improvvisi cambi di punti di vista, che a volte mi destabilizzavano, ma bastava continuare la lettura per ritrovare la retta via.

Mi è piaciuta la sintassi, scorrevole, e gli abili giochi di parole che accentuavano le riflessioni e l'amarezza di alcuni passi.

Tacito diceva "Historia magistra vitae", beh.. anche i miti fanno parte della storia, e io ho trovato una perla di saggezza, un insegnamento di vita, in ogni racconto-mitologico.

Sono particolarmente soddisfatta di questa lettura, che ho trovato bella, divertente, scorrevole e piena di significato!

Voto: ★★★★☆

Nessun commento:

Posta un commento

Ciao, se ti è piaciuto il post lascia un commento! Sarò felice di leggerlo!

GIVEAWAY