tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 9

sabato, settembre 02, 2017

Recensione - L'anatema dei sette peccati

L'anatema dei sette peccati di [Davide Fresi]Titolo: L'anatema dei sette peccati
Autore: Davide Fresi
Pagine: 210
Prezzo: EUR 13,21
Casa editrice: Youcanprint


TRAMA
La narrazione è ambientata nell’antica Roma e vede protagonisti due mercanti, Fedro e Polibio. In virtù dei carismi profetici che mostrano di possedere, essi vengono introdotti da Tiberio Cesare nel fasto della corte romana. Tuttavia, l’avidità di Fedro minaccia l’incolumità di entrambi. Il prefetto del pretorio Marcello tende un tranello che compromette la loro posizione. In carcere essi conoscono un uomo che con i suoi lumi porta Fedro a cambiar vita. Presto irrompono nella vita dei protagonisti Gesù di Nazareth e altri personaggi storici dal grande carisma. Le disavventure si susseguono una dopo l’altra. Aleggia sullo sfondo degli eventi la ferocia dei governanti romani che non esitano a spargere il sangue di innocenti. Ogni volta che le aspettative paiono compromesse, la Provvidenza mostra il suo volto benevolo, dissolvendo la nebbia che rende incerto il cammino dei due mercanti. Finché non avviene l’irreparabile… Troverà realizzazione l’anatema che il Nazareno rivolge agli oppressori del popolo? Riuscirà il perfido Marcello a soddisfare la sua morbosa ambizione? Questi sono alcuni temi di una narrazione che appassiona sin dalle primissime pagine.



   
Buongiornooo! 
Oggi sono qui per parlarvi un po' di questo libro che possiamo definire come un fantasy storico.
Ho impiegato un bel po' di tempo per arrivare alla fine e ci tengo a precisare che c'è voluto del tempo non perché il racconto fosse noioso o altro, semplicemente sono stata parecchio distratta e impegnata ma comunque ce l'ho fatta! 
I protagonisti sono due mercanti di nome Fedro e Polibio. I due si conoscono da quando erano piccoli e aiutavano i padri in questo stesso mestiere. I protagonisti tra loro non potrebbero essere più diversi, e non mi riferisco solo all'aspetto fisico. 
Fedro: irrazionale, superficiale e desideroso di ricchezze e con un cuore colmo di una brama incontenibile di potere.
Polibio: molto intelligente, razionale, mosso dal desiderio di compiere buone azioni che possano giovare a tutti.
Tutto inizia quando, durante un viaggio di lavoro, i due mercanti si fermano per discutere, ma la loro attenzione presto si sposta su qualcosa intravista nascosta tra una massa di foglie e legno.
Naturalmente i due volevano sapere cosa fosse questa strana struttura in metallo ma ebbero modi di relazionarsi con essa diversa. Fedro infatti pensò bene di toccare tutto ciò che poteva mentre Polibio avvertiva uno strano senso di pericolo e si comportava di conseguenza. I due alla fine si convinsero ad entrare nel marchingegno e presto si ritrovarono circondati da oggetti che mai nessuno si sarebbe neppure sognato. Decisero quindi che era meglio uscire ma... il passaggio dal quale erano entrati si era già chiuso e riaprirlo era impossibile. L'unica posto dove i due mercanti pensarono di essere era l'Inferno.
Con il passare del tempo si ritrovarono nei guai, a causa dello sciocco Fedro. Finirono infatti in carcere per un grave errore di quest'ultimo commesso in nome della brama di denaro e potere, tanto grave che Polibio era convinto che l'unica cosa da fare fosse odiare il suo amico. Non riuscì certamente nel suo intento, lo conosceva da troppo, troppo tempo per nutrire odio nei suoi confronti.
Proprio in quella cella dopo qualche giorno conobbero Simone, colui che rivoluzionò la vita di Fedro. Simone crede infatti in Dio e nei suoi prodigi e riesce a far convertire anche Fedro con un risultato straordinario: Fedro non era più lo sciocco avido di potere e denaro che era un tempo. 
Una volta usciti dalla prigione Fedro e Polibio si recarono da Gesù di Nazareth per conoscere colui di cui avevano tanto sentito parlare. Tra i tanti avvenimenti che seguirono quel viaggio Fedro si ritrovò nuovamente di carcere e per pochi istanti ebbe un compagno di cella inimmaginabile: Gesù. Il Maestro gli era infatti apparso per annunciargli un messaggio e liberarlo dal peso di tutti i peccati commessi in passato. Le situazioni difficili e dolorose, sia per Fedro che per Polibio, hanno inizio proprio qui. Affidano però la loro vite a Gesù e sono pronti a tutto.
"La loro esperienza esperienza ha dei contorni fantastici che esulano dalla comprensione chiunque [...]. Sono vissuti a lungo al tempo di Alessandro Magno, finché un congegno prodigioso non li ha trasportati nel nostro secolo per uno scherzo del destino"
La scrittura dell'autore è molto ricca di termini che non si usano frequentemente, quindi il lessico è piuttosto ricercato.
La trama è veramente molto bella e particolare. Fatti realmente accaduti si mescolano a fatti assolutamente fantascientifici. 
Per essere coinvolti a pieno dalla lettura e dal racconto bisogno arrivare praticamente a più di metà libro ma ciò che avviene in seguito è molto coinvolgente. 
Nonostante in certi punti l'abbia trovato pesante è una lettura che vi consiglio assolutamente. 

 Voto: 👠👠👠👠👠
Federica

3 commenti:

  1. Grazie per l'accurata recensione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  2. Letto anche io e mi ritrovo molto con la tua recensione :)
    Penso che la trama sia davvero originale!

    RispondiElimina

Se ti è piaciuto il post, lascia un segno del tuo passaggio e unisciti ai lettori fissi del blog!

Copyright © 2016 Il Rumore delle Pagine , Blogger