tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 9

domenica, aprile 29, 2018

In libreria #186 - Ossessione

In libreria #186 -  Ossessione

Data di pubblicazione: 25 Aprile

COLLANA: RESERVE
Titolo: Ossessione
Titolo originale: Kinked
Serie: Razze Antiche # 6
Prezzo Ebook: € 5,99
Prezzo Cartaceo: € 12,00
Autrice: Thea Harrison
Traduttrice: Laura Di Berardino
ISBN EBOOK: 978-88-9312-376-1
ISBN CARTACEO: 978-88-9312-365-5
Genere: Urban Fantasy
Lunghezza: 293 pagine

Sinossi:
Essendo un’arpia, la sentinella Aryal è abituata ad avere a che fare con l’odio, ma Quentin Caeravorn riesce a suscitare in lei una rabbia ardente, completamente diversa da qualsiasi sentimento provato prima. Aryal lo crede un criminale e giura di sbarazzarsene non appena se ne presenterà l’occasione. E la sua ira incessante spinge Quentin al limite, portandolo a desiderare di liberarsi di lei una volta per tutte.
Per porre fine al conflitto, Dragos, il signore dei wyr, manda le due sentinelle in missione nella terra elfica di Numenlaur. L’essere costretti a lavorare insieme intensifica l’antagonismo tra Aryal e Quentin. Ogni scontro, però, scatena sempre di più la passione, che culmina in un confronto stupefacente.
Ma quando la loro ricerca rivelerà la presenza di un vero pericolo, Aryal e Quentin si troveranno a dover risolvere i loro problemi utilizzando un approccio diverso da quello fisico, prima che venga messo in pericolo l’intero territorio wyr.



sabato, aprile 28, 2018

Recensione - Fandom. Saresti disposta a morire per la tua storia preferita?

Recensione - Fandom. Saresti disposta a morire per la tua storia preferita?

Buongiorno Rumors!! Come state? Spero che le vostre giornate stiano andando bene! 
Negli ultimi mesi abbiamo tanto sentito parlare di Fandom. Ho letto tante recensioni, tutte pressocchè positive, e questo mi ha fatto pensare di dare una chance al romanzo distopico più citato del momento. 
Come sempre, il primo elemento che mi ha spinta a ritenere Fandom un buon romanzo è stata la copertina. E' decisamente affascinante, e adesso che ho finito il libro posso dire che è pure molto significativa, con questi petali di Rose! Ha qualcosa di elegante, anche se la posizione e la lunghezza delle braccia mi sembra sproporzionata rispetto al busto della ragazza in copertina. E' solo una mia impressione? Fatemi sapere! 
Intanto, parliamo di Fandom!


Fandom
di Anna Day
________________________
Pagine: 400 circa, ebooks
Prezzo:
Editore: DeAsgostini
Genere: Fantasy, distopico
Pubblicazione: 6 Febbraio 2018


Un romanzo sulla forza di essere se stessi. Sul coraggio di scegliere ciò in cui crediamo e ciò che amiamo, e affrontarne le conseguenze.

Finalmente il gran giorno è arrivato, Violet è pronta. Pronta per incontrare gli attori che hanno portato sul grande schermo il suo romanzo preferito, La Danza delle forche. Violet lo sa recitare a memoria, ne conosce ogni battuta. Se potesse esprimere un desiderio, chiederebbe di poterci vivere dentro ed essere Rose, la protagonista perfetta. Dovendo fare i conti con la realtà, Violet si accontenta di presentarsi all’evento come cosplayer di Rose e mettersi in fila per l’autografo dei suoi idoli. Soprattutto per quello dell’attore che interpreta Willow, l’eroe più bello di sempre – darebbe ogni cosa per far colpo su di lui. Proprio nel momento in cui il ragazzo si complimenta con lei per il suo costume accade qualcosa di inaspettato. Un terremoto. Urla. Il buio. Violet riapre gli occhi e qualcosa è cambiato. Le guardie corrono ovunque impazzite. Ma è solo quando un proiettile colpisce Rose e la ragazza cade a terra esanime che Violet capisce. Capisce che adesso non è più solo a un evento in costume per appassionati di fantasy. Adesso quella è la realtà. Adesso lei è dentro la storia e la protagonista del suo romanzo preferito è appena morta. Violet ora può fare solo una cosa: prendere il suo posto, ripassare le battute e vivere la storia fino alla fine… E sperare che tutto vada come è stato scritto.



Fandom: la storia che ogni lettore sogna. Per tutti coloro che amano i libri, i film, le serie tv: è l’avventura che tutti vorremmo vivere entrando nel nostro libro preferito.



“Un romanzo che ti trascina dentro. E anche dopo che l’hai finito non riesci a smettere di pensarci. Assolutamente da leggere.” - James Dashner, autore bestseller della serie Maze Runner



Quanti di voi, finito un libro, si sono ritrovati a pensare "vorrei davvero essere al posto di quel personaggio e far parte della storia"? A me per prima è successo, diverse volte! Questo è quello che succede anche a Violet, una ragazza dolce e timida fan sfegatata de La danza delle forche, un libro, e successivamente anche un film, che ha conquistato lei e Alice, la sua migliore amica. 
Fandom si ritrova a descrivere un romanzo nel romanzo, facendoli scorrere entrambi in parallelo fino a quando il confine tra i due è quasi impercettibile. La danza delle forche è un romanzo ambientato in una Londra del futuro ormai completamente ridotta in macerie. La popolazione è divisa in due fazioni, sempre che così si possano chiamare, IMP e GEM. I GEM sono praticamente i padroni indiscussi, sono esseri nati da anni di esperimenti, sono geneticamente modificati fino alla perfezione fisica e potenziati al massimo anche intellettualmente. Hanno tutti i tipi di vantaggi possibili, sono belli, ricchi, intelligenti, ma i pregi sono fuori discussione. Sono le persone più odiose dell'universo, arroganti, maleducate, irrispettose e tutto perchè loro sono perfetti. Sono persone agghiaccianti nonostante la loro bellezza quasi divina, che hanno dimenticato il significato dell'umanità. Parola che ormai non usa più nessuno nel mondo de La danza delle forche. Infatti, i GEM, essendo categoricamente convinti di essere di gran lunga superiori agli IMP - cioè quegli esseri che potremo chiamare i comuni mortali e che nascono alla vecchia maniera (e non in uteri artificiali) - non si fanno alcun tipo di scrupolo nel maltrattarli e ucciderli per un nonnulla. 

Si avvicina l'evento più emozionante degli ultimi tempi per i fan: il ComiCon, dove Alice, Violet, Katie (un'altra amica di Violet e Alice) e Nate (il fratellino di Violet) si dirigono per incontrare gli attori che hanno portato sullo schermo una delle storie più avvincenti degli ultimi anni, e che tutti e quattro hanno amato fino allo sfinimento. Durante il ComiCon però qualcosa va storto. Succede qualcosa di inaspettato e i quattro amici si ritrovano catapultati nel mondo de La danza delle forche. E' reale? E' frutto di un sogno? E' un'illusione che hanno creato gli organizzatori del ComiCon per i loro fan? 
All'inizio non lo capiscono neanche i nostri adorabili protagonisti, ma vi anticipo che la spiegazione è davvero, tristemente, sconvolgente, e tranquilli, non sarò io a svelarvela. -No Spoiler

"Attento a quello che desideri, perché a volte la realtà può letteralmente esplodere."
La situazione che si viene a creare è incredibile, nel vero senso della parola. Se precedentemente Violet avrebbe pagato oro per far parte de La danza delle forche, non si può dire che sia entusiasta adesso che il suo sogno si è realizzato. La gioia, l'agitazione e l'eccitazione di far parte del proprio libro preferito lasciano il posto a emozioni diametralmente opposte.

Ha sempre desiderato conoscere Willow, il protagonista maschile della storia di cui lei ed Alice sono innamorate da anni. Willow è un GEM che nella storia originale si innamora di una IMP: Rose. Adesso la nuova Rose è Violet, e per uscire dal mondo de La danza delle forche Violet deve riuscire a far finire la storia come dovrebbe: ce la farà a fare innamorare Willow di lei e tornare a casa? 
Penserete, beh facile! Lei è già innamorata di lui, quindi manca "soltanto" metà del lavoro da fare. In realtà non è così facile, non solo perchè Violet ha una settimana di tempo per portare a termine la missione prima di essere impiccata, ma anche perchè Willow si rivela tutt'altro che il bellissimo ragazzo GEM con un cuore nobile e gentile tanto da voler proteggere gli IMP. Risulta banale, poco coraggioso, un pallone gonfiato di soldi e perfezione genetica. Poco romantico, poco attraente nonostante la bellezza. Inconsistente, freddo come se non fosse un umano, insomma...una totale delusione. Per Violet diventa difficile portare avanti il piano: tutto l'amore che aveva provato per Willow dall'altro lato dello schermo era praticamente svanito, anche per via della comparsa di Ash, un IMP dagli occhi più azzurri che lei avesse mai visto. Un ragazzo adorabile, bello nella sua imperfezione di IMP, onesto, coraggioso e intraprendente. Innamorarsi di lui è fin troppo semplice, e questo potrebbe rovinare tutto. E' un personaggio secondario, e nella storia originale Rose non si è innamorata del personaggio secondario!!
Quanto è importante rispettare il Canone? Che effetti può avere un piccolo cambiamento? 

Ringraziamo Hollywood che si è prestata alle mie fantasie.
Mbeh, vi sfido a scegliere tra un Wilow e un Ash così. Io purtroppo, o per fortuna, ho un debole per i ricciolini, quindi Ash, scelgo te! 
Il mondo de La danza delle forche è molto più crudele, brutale, e spaventoso di quanto avesse potuto apprendere dal libro o dal film. Le emozioni, le paura, le insicurezze sono cresciute esponenzialmente. L'inadeguatezza che si impossessa di Violet rischia di far andare tutto storto, l'incredulità di dover sostituire la sua eroina preferita, Rose, nonché protagonista femminile de La danza delle forche, la manda nel panico. Il motivo per cui tenta disperatamente di appigliarsi a qualcosa e rimanere lucida è Nate, il suo fratellino che per lei sarà sempre una dolce responsabilità, e che adesso ha paura di non riuscire a proteggere. 

Credere a tutto questo risulta difficile persino ai personaggi, ma loro sono i nuovi protagonisti della storia e devono portarla a termine per raggiungere il proprio obiettivo: uscire da quest'incubo e tornare a casa. Durante questa folle avventura Violet diventa più forte, più sicura, più indipendente, e rivaluta le sue preferenze per i personaggi in maniera radicale. Interpretando un'IMP riesce perfettamente a entrare nella parte. Non sta solo facendo finta di essere un'IMP, sembra davvero che lo sia diventata. Così come Alice, la biondona dalle gambe lunghe e snelle per cui tutti i ragazzi sbavano sempre,  sembra rispettare i canoni dei GEM. 
Tuttavia, secondo un'antica filastrocca, La speranza è come un fiorellino. Sarà Violet quel fiorellino??

Fandom

Fandom è un libro decisamente originale per come la vicenda nasce, per il setting, e per lo sviluppo, però non posso dire lo stesso delle principali linee guida del contenuto. Mi ha ricordato molto Hunger Games, e l'autrice non si è preoccupata di distaccarsi troppo da questo modello, anzi, in alcune scene Violet, per farsi coraggio, pensa esattamente a Katniss e ad altre simili eroine, fino quasi ad eguagliarle nei valori e nelle azioni. Ecco perchè l'insieme mi è sembrato una novità fino a un certo punto. 
Alcune parti mi sono parse un pò prolisse, quindi non penso di essere entrata totalmente nella storia, come invece mi sarei immaginata che succedesse. 
Ancora, l'attenzione rivolta ai personaggi mi è sembrata sbilanciata. Ho avvertito grandi riflettori puntati su Violet - com'è giusto che fosse - e sulla storia, ma gli altri personaggi, che mi sono sembrati importanti seppure secondari, credo siano stati trascurati. Non si può non dire però che il romanzo è scritto molto bene. La narrazione è fluida, omogenea, senza grumi o punti poco chiari, anche se questo non vuol dire che non si debba prestare particolare attenzione alle dinamiche. Il filo conduttore della storia, infatti, è ben nascosto da strati di particolari che potrebbero sviare dalla retta via, risultando quindi poco chiara la spiegazione del "come sono finiti in questa sorta di mondo parallelo". 
Quando alla fine del libro ho preso coscienza di quello che era veramente accaduto, devo ammettere che l'ho trovato macabro, inquietante.. folle, seppure originale, oltre che per certi versi delicato. A questo proposito, non mi è piaciuto il nesso con il gioco "escape room" che si è da poco diffuso in America. Secondo il mio modesto, e sicuramente opinabile, parere, non si dovrebbe dare adito a questo genere di cose incentivando la pubblicità di questo gioco che ha portato danni psichici a molte persone, oltre al fatto che il nesso con "Fandom" lo vedo veramente poco, visto il modo in cui in realtà i personaggi sono finiti nel mondo de La danza delle forche

Con queste ultime righe penserete che il libro non mi sia piaciuto affatto, quini vediamo di fare chiarezza. Il libro mi è piaciuto, lo reputo un buon lavoro, con grandi pennellate di originalità, ben scritto e ben costruito. Tuttavia mi aspettavo qualcosa di sensazionale, qualcosa di esplosivo, che lasciasse a bocca aperta, che mi sconvolgesse per novità, adrenalina e che mi scatenasse una sensazione di dipendenza, quindi sono rimasta delusa dalla mancanza di questi sentimenti estremi. Pensavo fosse un romanzo stellare, invece non mi sento di dare più di 4 stelle, quindi è un romanzo.. 



Voi avete letto Fandom? 
Cosa ne pensate? 

sabato, aprile 28, 2018

In libreria #185 - Casa Editrice Il Ciliegio

In libreria #185 - Casa Editrice Il Ciliegio

BenBadger e il seme magico 

di Marco Salogni 
_____________________
Pagine: 28 a colori
Prezzo: EUR 12,50


Questo libro è un ALBO CARTONATO

È arrivata la primavera, Ben Badger esce in giardino con Red, il suo piccolo amico robot, per giocare. Una pallonata però va accidentalmente a colpire le sementi che il nonno conserva con cura e le fa cadere tutte per terra e la loro attenzione viene attirata da un seme diverso dagli altri,che proprio non hanno mai visto. Né il nonno, né due esperti botanici, né tantomeno i libri che consultano in biblioteca in cerca di spiegazioni riescono a risolvere il mistero: cosa può produrre quello stranosemino? Non c'è che un modo per scoprirlo: piantarlo e aspettare.Quale grande sorpresa sarà in grado di regalare?




Quale vera Vita, quale vera Morte?
di Pier Giorgio Radaelli 


_________________________________

Pagine: 176
Prezzo: 14,00


Il lungo cammino di purificazione che essa percorre per giungere al Paradiso e il suo successivo ritorno alla vita fisica sotto l’azione del karma. Nulla nel nostro Universo è statico e immutabile, tutto evolve in risposta al piano divino.Nella prima parte l’autore espone i principi della filosofia esoterica orientale e i concetti di vita e di morte nella cultura occidentale, in particolare nelle Costituzioni italiana ed europea. Nella seconda parte racconta in prima persona, con un linguaggio semplice e immediato, il viaggio dell’anima umana dalla morte alla rinascita.





Ciliegie a Dicembre

di Gianfranco Antuono

_________________________

Pagine: 307

Prezzo: 17,00

Il 23 dicembre, alle soglie del terzo millennio, in una masseria dell'entroterra campano, Carmine, contadino di vecchio stampo temprato da una vita dura e sofferta, aspetta l'arrivo degli invitati alla festa per il suo novantesimo compleanno. Si commuove di fronte ai tanti doni, soprattutto davanti al più sorprendente e gradito: un cestino di ciliegie!Con lui c'è l'amico Giulio, che gli rilegge le poesie in dialetto che ha composto e raccolto in tre volumetti che gli regala. Poesie che raccontano gli episodi della vita di Carmine, dal bambino orfano al giovane serio e lavoratore, dal matrimonio felice alla paternità, fino alla vecchiaia rallegrata dai nipoti,dall'amicizia con Giulio e da tanti viaggi insieme a lui.Sembra che attraverso quei componimenti in rima sia lo stesso festeggiato a raccontare le tappe della sua esistenza,con allegria e a volte un po' di malinconia.Ma la parte che sorprende tutti gli invitati è quella che riguarda le avventure dei due amici, in Italia e in Europa. Tanto che il quotidiano locale dedica un articolo alle imprese del "nonno viaggiatore".Ora per Carmine il viaggio della vita sta per finire, ma è Giulio quello più in ansia. Il suo amico è sereno e continua a sorridere. Ha avuto molto, anche il tempo di sapere che il suo posto non resterà vuoto.Una storia vera.



C'era una volta e c'è ancora....il fantastico mondo di Giunglaparola
di Carola Flauto

______________________________

Pagine: 176

Prezzo:  12,00


Facil, Emanuele, Iurendina e suo fratello Enver: quattro ragazzi catapultati in un magico mondo, il regno di Giunglaparola, popolato da alfabetalberi, grammapiante e tante altre bizzarre creature. Giunglaparola un tempo era un luogo felice, in cui prendevano forma le parole degli umani, finché la perfida Censura decise di ingoiare la parola-chiave dalla quale ogni discorso prende forma: il Pensiero. Compito dei quattro protagonisti sarà quello di recuperare la parola-chiave e liberare Giunglaparola dal sortilegio.






Io parlo donna
di Maria Grazia Negrini
_______________________________
Pagine: 109
Prezzo: 14,00 

Io parlo donna – Il coraggio delle idee raccoglie le esperienze di Maria Grazia Negrini,storica femminista bolognese,prima e dopo aver coordinato il Centro di Documentazione Ricerca e Iniziativa delle Donne di Bologna.
Non si tratta di un'autobiografia, bensì di uno strumento, una raccolta rivolta a donne e uomini e in particolare alle giovani generazione sull'esperienza del femminismo nella città di Bologna, è però anche la storia di vita di una donna che ha partecipato a questi momenti storici, impegnando la mente, il cuore e la passione. Non è un libro esclusivamente personale, perché chiama in causa la presenza delle donne della città e non solo. Riporta infatti nella prima parte una serie di articoli e interventi dell'autrice riguardanti le tematiche a lei care delle donne e del femminismo.Più individuale e squisitamente narrativa è invece la seconda parte del libro, quella dove sono pubblicati i racconti scritti da Maria Grazia Negrini, ancora una volta tutti incentrati sul punto di vista delle donne

venerdì, aprile 27, 2018

In libreria #184 - Figlie del mare

In libreria #184 - Figlie del mare
MARY LYNN BRACHT
Figlie del mare

«Un esordio letterario e storico che spezza il silenzio decennale sulla tragedia delle “comfort women” coreane» The Bookseller




«Hana sapeva che proteggere la sorella significava tenerla lontana dai soldati giapponesi. La madre gliel’aveva inculcato nella testa: Loro non devono mai vedervi! E soprattutto, non fatevi mai trovare sole con uno di loro! Le parole di avvertimento della madre rivelavano paura e inquietudine, e a sedici anni Hana si ritenne fortunata che non le fosse mai capitato. Ma in una calda giornata estiva tutto cambiò.
Era tardo pomeriggio, molto tempo dopo che le altre tuffatrici se ne erano andate al mercato, quando Hana vide per la prima volta il caporale Morimoto.»


Figlie del mare, il romanzo d’esordio di Mary Lynn Bracht, affronta per la prima volta in letteratura la vergognosa e poco nota vicenda delle cosiddette “Comfort Women”, le donne coreane rapite dai giapponesi durante la Seconda guerra mondiale e rinchiuse nelle case di piacere frequentate dai soldati nipponici. Sulla base di indagini successive, si è stimato che negli anni del conflitto mondiale oltre 300.000 donne vennero deportate in questi bordelli e della maggior parte di loro non si seppe più nulla. Mescolando il racconto di una vicenda personale e familiare alla grande Storia, Figlie del mare riporta alla luce uno dei più gravi crimini del XX Secolo, emerso solamente nel 1991 quando la pescatrice di conchiglie Kim Hak-sun raccontò la sua esperienza di schiava sessuale e avviò un’azione legale contro il governo giapponese.
È proprio questo il destino di Hana, una delle due sorelle protagoniste del romanzo di Mary Lynn Bracht. Cresciuta in un paese occupato, costretta a dimenticare le proprie radici e divenuta una cittadina di second’ordine nella sua stessa patria, Hana è una giovane pescatrice di conchiglie. Il suo lavoro come donna del mare le permette di godere di una certa libertà e la spinge a mantenere la sua fierezza e il coraggio anche nelle situazioni più complesse. Nel 1943, Hana, sedicenne, si offre in sacrificio ai soldati giapponesi in cambio di Emiko, la sua sorellina, e viene condotta in Manciuria e rinchiusa in un bordello. A quasi settant’anni di distanza da quel giorno, nel 2011, dopo una vita di sensi di colpa e dolore, Emiko decide di non poter lasciare questo mondo senza sapere qual è stata la sorte della sorella maggiore e si reca a Seul per mettersi sulle tracce ormai labili di Hana e unirsi alle manifestazioni che si tengono ogni mercoledì davanti all’ambasciata giapponese, chiedendo giustizia per le “Comfort Women”.
La vicenda delle “Comfort Women” è stata a lungo causa di forte attrito Corea e Giappone e solo nel 2015 è stata ufficialmente rubricata come crimine di guerra, obbligando il Giappone a istituire un fondo monetario per le sopravvissute. Figlie del mare ha conquistato gli editori di tutto il mondo ed è in corso di pubblicazione in 14 paesi, tra cui Inghilterra, Stati Uniti, Francia, Germania e Spagna.


MARY LYNN BRACHT, scrittrice americana di origini coreane, vive a Londra. Tramite la madre, cresce a stretto contatto con una comunità di donne emigrate dalla Corea del Sud. Nel 2002 visita il villaggio dove è nata sua madre e lì sente parlare per la prima volta delle “Comfort Women”. Quel viaggio toccante e le successive ricerche hanno ispirato il suo romanzo d’esordio, Figlie del mare, in uscita in tutto il mondo.



In libreria dal 27 aprile 2018

venerdì, aprile 27, 2018

In libreria #183 - L'amore davvero

In libreria #183 - L'amore davvero
TITOLO: L’amore davvero
AMBIENTAZIONE: Idaho (Usa)
AUTORE: Milly Tosi
COVER ARTIST: Angelice Graphics and Book Cover Designer
GENERE: Qlgbt Contemporaneo
FORMATO: E-book (Mobi, Epub, Pdf) e cartaceo
PAGINE: 184
PREZZO: 3,99 € (e-book) su Amazon, Kobo, iTunes, Google Play, Store QE
DATA DI USCITA: 27 Aprile 2018

TRAMA:  Jim Clearwater è un nativo americano grande e grosso, è un tecnico esperto e apprezzato, lavora immerso nelle profondità marine di mezzo mondo, crede che l'amore sia roba per stolti romantici e i suoi contatti umani, al di fuori di quelli professionali, si limitano a meri incontri sessuali privi di qualsiasi coinvolgimento emotivo.
Ci vuole un pericoloso incidente in mare e la malattia di un amico per fargli toccare con mano l'inutilità della propria vita, occupata solo dal lavoro.

Un lungo viaggio per tornare a casa, una famiglia meravigliosa dalle grandi braccia amorevoli sempre spalancate, il matrimonio di suo fratello e un anno trascorso a recuperare i rapporti che credeva perduti e a instaurarne di nuovi: tanto ci vuole per fargli capire che la vita dà e prende, ma quando ti capita l'insperata fortuna di trovare la persona giusta, il giusto feeling, nel momento giusto, non puoi fartelo scappare. Devi giocare e, perché no, rischiare di perdere, perché la posta in gioco è alta. È l'amore... l'amore davvero.

venerdì, aprile 27, 2018

In libreria #182 - Le tenebre dell'Arkham

In libreria #182 - Le tenebre dell'Arkham
COLLANA: InFantasia
GENERE: Dark Fantasy, Mistery
PREZZO: € 3,99
PREZZO Cartaceo: € 13,60
PAGINE: 498
ANNO: 2018, 19 Aprile
ISBN Kindle:  978-618-5330-52-1
ISBN ePub: 978-618-5330-51-4
ISBN Cartaceo: 978-618-5330-54-5
 
«L’Arkham si fonda su tre pilastri: sangue, tenebre e spirito.
Sono le uniche cose che contano in questo Stato maledetto dall’eterna lotta
tra l’Oscuro Dominatore e il Signore Rosso del Caos!»

Stati Uniti d’America, 1894. Dimenticato nel tempo e avvolto nelle tenebre, per cause sconosciute ai più, lo Stato dell’Arkham è ricettacolo di arcane forze maligne: licantropi, vampiri, spiriti demoniaci, entità mostruose che tormentano la vita degli abitanti, sotto gli ordini di due personaggi potenti e misteriosi, il Dominatore Nero e il Signore del Caos, in eterno conflitto tra loro. Una volta, c’erano dei cacciatori di taglie dell’occulto, gli Ammazzatenebre, a contrastare tali mostruosità e proteggere gli indifesi. A causa di antichi dissapori, tuttavia, questo gruppo si è sciolto e le Tenebre sono tornate a imperversare pressoché indisturbate. Quando però, uno per volta, i bambini dell’Arkham cominciano a sparire nel nulla, Stephen Barren, ex membro degli Ammazzatenebre, cerca di riunire la banda… anche se niente è più come prima e tutti loro sembrano custodire degli oscuri e inconfessabili segreti. Ma la situazione è a dir poco tragica, la forza che sta prendendo con sé gli innocenti dell’Arkham è spaventosa, e si capisce che l’unica cosa da fare è restare uniti e combattere il Male, tutti insieme, mettendo da parte rancori e incomprensioni e, soprattutto, superando differenze di sesso, razza e religione.

Vol. 1 della Trilogia "Le Tenebre dell'Arkham"

venerdì, aprile 27, 2018

In libreria #181 - Libro/mania

In libreria #181 - Libro/mania
LA SPOSA PROMESSA. Amori e intrighi alla corte di Tudor. 
di Ornella De Luca
_____________________________________

Edimburgo, Scozia, ottobre 1561: un giovane parroco viene convocato al carcere di Greyfriars per offrire l’estrema unzione a una detenuta, poco prima dell’esecuzione della condanna a morte fissata per la mattina seguente. La donna, ormai fuori di sé dal dolore, accetta di raccontare al confessore la sua vita e l’origine della colpa che l’ha condotta in quella sudicia cella. 

Contea di Dunvegan, febbraio 1560: Eithne ha diciassette anni, è l’unica figlia del laird del clan MacLeod e sulle sue spalle pesano grandi aspettative, anche se lei non sembra esserne del tutto consapevole. Il suo destino è di andare in sposa a un ricco highlander scelto dal padre, ma a ostacolare questa unione c’è il legame con Alastair, lo stalliere del castello, suo compagno di giochi sin dall’infanzia. Una straordinaria catena di eventi porta Eithne a prendere in fretta decisioni che segnano il destino del suo clan e di tutta la Scozia: la zia, Lady Maighread Douglas, la coinvolge in un complotto ai danni dei nobili cattolici del regno, in un periodo drammatico che minaccia di sfociare in una guerra civile. Eithne deve quindi scegliere se salvare se stessa e l’uomo che ama, oppure il destino del clan MacLeod. I due giovani innamorati, costretti dalle circostanze, organizzano una fuga per scampare alla vendetta di Erinna, la madre di Eithne. Ma cosa sono disposti a sacrificare per restare insieme? La sposa promessa è un grande romanzo di amore, avventura e intrighi al tempo di Mary Stewart ed Elisabetta I Tudor: conflitti religiosi, lotte fratricide e sete di potere si mescolano al più genuino e innocente desiderio di libertà.


IL NIDO DELL'AQUILA. 
 Attacco al potere nazista
di Fausto Tinti
________________________________________

Nel 1937, in una birreria della periferia londinese, Paul si trova coinvolto in una rissa per difendere David, austriaco, da un giovane di idee fasciste. Tra i due nasce una profonda e fraterna amicizia, ma lo scoppio della guerra li porta su due fronti opposti. Paul prima in patria a dare la caccia alle spie naziste, poi in Francia con i partigiani. David al comando di un carro armato combatterà in Russia in Africa e nel Peloponneso. Uccideranno entrambi, David per salvarsi la vita, Paul per combattere l'orrore nazista. Le loro storie si intrecciano a quelle di milioni di altri, tra missioni segrete, intrighi internazionali, atti di eroismo e gesti disperati. Mentre la battaglia finale si avvicina e in uno dei rifugi più segreti dello stato maggiore nazista Hitler e i suoi gerarchi cercano di prevedere dove potrebbe avvenire lo sbarco delle forze alleate in Francia, la tragedia della guerra segna profondamente i due giovani soldati e l'amicizia che li lega diventa il simbolo di un futuro ancora possibile.

venerdì, aprile 27, 2018

In libreria #180 - A metà del sonno

In libreria #180 - A metà del sonno
Autore: Emiliana Erriquez
Titolo: A metà del sonno
Prezzo: € 11
Uscita: 26 aprile
Link http: http://www.lesflaneursedizioni.it/index.php?route=product/product&product_id=1870


Sinossi: È l’11 novembre 1999 quando Foggia conosce uno dei risvegli più brutti che abbia mai vissuto. Nell’alba di quel nuovo giorno, che avrebbe potuto essere uno qualunque, in viale Giotto un palazzo crolla. Le vittime sono sessantasette. Vite sradicate con violenza dal fertile terreno del loro futuro, portate via dai sogni stipati ancora con fiducia nel cassetto, messi da parte per i giorni a venire. Tra i resti esanimi di quella tragedia, però, Ester grida ancora il suo disperato bisogno di vita, avvolta nel suo pigiamino rosa e nella fresca fragranza di shampoo del bagnetto della sera. Ritrovata dai soccorritori, viene affidata allo zio Massimo che se ne prenderà cura, cercando di farle condurre un’esistenza il più possibile normale.  Giulia, una giovane giornalista di Capitanata, a dieci anni dalla tragedia intervista lo zio Massimo, suo vecchio amico. Insieme rievocano quei terribili momenti, misti ai ricordi di un tempo lontano in cui Ester era sola una bambina vivace ed entusiasta, entrambi consapevoli che il destino può cambiare in un attimo, crollarti addosso senza remora alcuna e che l’amore, di chi si prodiga per portare un raggio di sole anche dopo la più feroce delle tempeste, salva sempre.


Biografia: Emiliana Erriquez ha una laurea in Lingue e Letterature Straniere e un Master in Traduzione inglese-italiano. Con un passato da giornalista, ora si occupa a tempo pieno di traduzione dopo aver vissuto per un breve periodo negli Stati Uniti. Emiliana è membro di EWWA (European Writing Women Association) e autrice del saggio “Oriana Fallaci: una vita vissuta in pienezza” vincitore del premio Giuseppe Sciacca 2006, sezione saggistica. Moglie e mamma di due bambini, vive in un piccolo centro sulle sponde dell’Adriatico e si dedica alla scrittura con passione e costanza.

giovedì, aprile 26, 2018

In libreria #179 - Lithium 48

In libreria #179 - Lithium 48
Il Taccuino Ufficio Stampa

Presenta




Genere: Distopico


Casa Editrice: Aurora Edizioni

Collana: Pensieri nuovi

Pagine: 70


Lithium 48 di Fabio Iuliano
Un racconto ambientato nel 2002 in una Parigi stravolta dalle paranoie del protagonista Simone, rinchiuso tra le mura di un ospedale psichiatrico con un buco nella memoria di quarantotto ore. Una storia intensa e sofferta che riflette un momento storico in cui le certezze dell’umanità si stanno sgretolando una dopo l’altra. Simone si fa portatore del senso di smarrimento e sospetto che è seguito all’11 settembre 2001, e della paura che si è introdotta in ogni contatto umano esterno al proprio quotidiano. Con una scrittura acuta e sensibile, Fabio Iuliano racconta del viaggio del protagonista a ritroso nel tempo per afferrare il significato delle sue azioni e dei suoi pensieri. Un percorso reso impervio dalla presenza di pericoli reali e immaginari, in cui la posta in gioco non è solo capire il mondo che lo circonda, ma soprattutto sé stesso.

[] Esistono gabbie di ogni forma e dimensione. A forma di ufficio, a forma di palco, persino a forma di studio televisivo. Le banche di cui parlava Bert, lo spazzacamino. L’amico di Mary Poppins. Non abbiamo mai dato la giusta importanza a ciò che ci facevano vedere da piccoli: Mary Poppins, ad esempio, ci insegnava a diffidare delle banche. Meglio spendere due penny per far mangiare piccioni, piuttosto che far mangiare maiali”.


Lithium 48 racconta una storia che fin dalle prime pagine confonde e sconcerta il lettore. È impossibile infatti non domandarsi se la realtà che il protagonista Simone sperimenta sia concreta o frutto delle sue allucinazioni. Il ragazzo è vittima della paranoia di essere spiato da telecamere onnipresenti e da amici e colleghi di lavoro guidati da una regia esterna, cha ha il solo scopo di incanalarlo in una vita preordinata e rispondente a un copione scritto per intrattenere un pubblico di voyeur. Tutto ha inizio con Simone che si ritrova confinato in una struttura per malati mentali, la Espace Maison Blanche, senza saperne il motivo. Comincia così un viaggio alla conquista di una memoria perduta e alterata dal trattamento farmacologico al quale è sottoposto. Nel ripercorrere le quarantotto ore che lo separano dalla verità, il protagonista del romanzo riflette sul senso di terrore che ha accompagnato l’uomo da quel tragico attentato alle Twin Towers del 2001, e sull’idea che la paranoia e il sospetto siano ormai le uniche armi di difesa contro i pericoli del mondo odierno. Simone si affida alla musica per cercare di arginare la follia in cui, nei brevi momenti di lucidità, sa di stare precipitando. La sua vita è scandita dalle parole dei testi delle canzoni che ama, e che riporta nel racconto dei suoi due giorni di buio. La musica è tanto importante nell’universo privato del protagonista come in quello dell’autore, che il romanzo si apre con una playlist delle canzoni citate, e con il codice QR da utilizzare su Spotify per poterle ascoltare.  A seguito dell’amara rivelazione dei particolari del suo tempo perduto, Simone comincia a riacquistare consapevolezza ed è a questo punto che il racconto si fa denso e significativo. Egli oscilla tra diverse interpretazioni di ciò che vede e sente, il dubbio si insinua in lui e anche in chi legge. Se la paura del diverso e delle situazioni nuove permea i suoi pensieri all’inizio del romanzo, i numerosi rimandi alla storia di Mary Poppins raccontano un’altra verità. Sembra che nella mente del protagonista si faccia strada l’idea di combattere la paranoia con l’entusiasmo della scoperta, la stessa che porta l’istitutrice Mary a far conoscere ai bimbi personaggi insoliti e a insegnare a non avere paura del mondo e di chi è diverso da loro. Nel suo essere un ritratto estremizzato dell’uomo contemporaneo, Simone porta con sé l’accettazione dolorosa della paura e della sconfitta, ma anche il riscatto della vita sulla violenza e i pregiudizi.

TRAMA. Simone, un giovane giornalista e musicista, è sedato e rinchiuso in una piccola stanza bianca dell’Espace Maison Blanche, una struttura dove vengono confinate le persone sottoposte a trattamento sanitario obbligatorio. È solo l'atto finale di un percorso di 48 ore attraverso i vicoli di una Parigi controversa e misteriosa, in una dimensione filtrata dagli obiettivi di telecamere che Simone sente continuamente addosso. Egli cerca di ricostruire i motivi che l’hanno condotto in quel luogo e a quell’idea di essere manipolato da chi ha intorno e di avere solo l’illusione di essere libero. L'unico modo per capire la verità è quello di perdersi nelle strade di una terra familiare e sconosciuta insieme, che altro non è se non la metafora della ricerca di sé stessi.



BIOGRAFIA. Fabio Iuliano è un giornalista, musicista e insegnante di lingue. In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal + e ha collaborato con l'Ansa e con il Centro (ex gruppo l’Espresso). Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America, ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Per Aurora edizioni, casa editrice indipendente trentina, ha già firmato New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz. Lithium 48 è il suo secondo romanzo.

giovedì, aprile 26, 2018

In libreria #178 - Scorticati vivi

In libreria #178 - Scorticati vivi
TITOLO: Scorticati vivi
TITOLO ORIGINALE: Écorchés Vifs 
 AUTORE: Mathias P. Sagan
AMBIENTAZIONE: Parigi
TRADUZIONE: Dalia Nobile per Quixote Translations
PAGINE: 230
GENERE: Contemporaneo qlgbt
FORMATO: E-book
PREZZO: € 3,99 su Amazon
DATA DI USCITA: 24 Aprile 2018
  
TRAMA: Quando la vita ti offre un bellissimo incontro inaspettato, e poi ti coglie di sorpresa su un'autostrada, distruggendoti…
Quando la tua vita quotidiana è scandita da manie, tic e altri inconvenienti…Questo è ciò che vivranno Benoit e Bruno, o che stanno già vivendo.
Due persone a parte.Due persone che si incontrano e si ritrovano. Riusciranno ad accettarsi, a capirsi e ad adattarsi l’uno all’altro? 

Copyright © 2016 Il Rumore delle Pagine , Blogger