lunedì 24 aprile 2017

Recensione - Sulla Bellezza

Buongiorno lettori!!
per augurarvi una buona giornata vi propongo un nuova recensione!

28002540Titolo: Sulla bellezza nella natura, nell'arte, nell'uomo
Autore: Vladimir S. Solov'ev
Pagine: 117
Prezzo: 13,00



Trama:
Il processo cosmico, come processo di realizzazione del vero e del buono nella forma concreta del bello, è un processo estetico. Iniziato dalla natura, tale processo prosegue attraverso l'opera dell'uomo. La bellezza prodotta dall'arte, al pari di ogni altra bellezza, non è né mera materialità né mera soggettività, ma "luce materializzata" e "materia illuminata". L'arte ha dunque la funzione di contribuire attraverso la bellezza alla piena realizzazione del processo cosmico; tuttavia, tale realizzazione è più prefigurata e profeticamente anticipata che non compiuta: luogo di intersezione tra il cielo e la terra, il bello che ci è dato dall'arte apre la via verso la bellezza futura, simile in questo all'altro facitore di ponti, l'amore.

RECENSIONE

Innanzitutto Solov'ev è stato un filosofo, teologo, poeta e critico letterario russo. Giocò un ruolo assai importante nello sviluppo della filosofia (influenzando il pensiero di molti illustri personaggi), e della poesia russa della fine del XIX secolo!

Questo libro è un trattato di estetica, quindi forse non è proprio una lettura alla portata di tutti, soprattutto in fatto di gusti.
E' un libro molto complesso, una lettura da affrontare con calma e lucidità; una lettura che invita a riflettere su quello che ci circonda, su quanto sia bello, e su cosa significhi veramente "bellezza". Ormai si pensa più alla bellezza estetica, che alla bellezza dell'essere, all'essenza insomma, e il nostro autore ha pensato a ciò già anni fa.
E in questo modo sempre più interessato all'apparire che all'essere, Solov'ev ci invita a fermarci un attimo a ridare importanza alle cose che lo sono davvero!
Analizza la bellezza nell'uomo, nell'arte, nella natura.
Il capitolo sull'uomo è quello più vasto, quello più importante, intriso di filosofia principalmente Hegeliana, ma non mancano altri filosofi, quali Schopenhauer!
Il capitolo sull'arte, seppure breve, è stato molto interessante: viene spiegato il significato della rappresentazione artistica!
Il capitolo sulla natura è quello che fondamentalmente mi è piaciuto di meno, perché incentrato sulla zoologia, forse troppo: ci volevano delle vere e proprie conoscenze zoologiche, per stargli dietro!
In generale, è una lettura di cui si può dire poco così su due piedi, perché bisognerebbe prendere in considerazione una buona porzione della filosofia fatta al liceo, e non mi sembra il caso, più che una recensione diventerebbe un tema.
Incuriosita dal punto di partenza di Solov'ev, ovvero la frase di Dostoevskij "la bellezza salverà il mondo", mi sono dedicata a questa lettura, che ho apprezzato, ma che non so valutare appieno.
Forse perché non è una vera e propria lettura di piacere, quanto una lettura che possiamo definire  cibo vero e proprio per l'anima. Una lettura che lì per lì non ti soddisfa, perché devi ancora assorbirla, farla oggetto dei tuoi pensieri per molto tempo, e poi... solo poi, sarà parte di te, e potrai esprimere un giudizio!
Solov'ev ci riporta sulla terra, quella pura, al di là del consumismo e del conformismo, due di quelli che Umberto Galimberti chiama "nuovi vizi capitali"!


Martina

Nessun commento:

Posta un commento

Ciao, se ti è piaciuto il post lascia un commento! Sarò felice di leggerlo!

Popular Posts