domenica 11 marzo 2018

Segnalazione #67 - L'anima Fotografata

"L’anima fotografata”

racconti di Tania Piazza, fotografie di Ivano Mercanzin
Edizioni Divinafollia

“Dedicato a tutte le voci che, ogni giorno, senza saperlo, mi narrano la loro storia.”
(Tania Piazza)

“La fotografia racconta storie, rilascia memorie, echeggia emozioni. Perpetuamente.”
(Ivano Mercanzin)

“Due autori singolari, eclettici, capaci. Lei, con la scrittura, d’una densità umana tanto spessa dapoterla sentire addosso; lui, in questa raccolta di brevi narrazioni, come fotografo dei dettagli eanimatore delle storie con fotogrammi rubati ai momenti salienti, sono l’uno il braccio destrodell’altra. Questo libro è stato concepito proprio così, come si procrea un figlio e occorrono due
DNA, la parola e l’immagine (…)

(…) L’anima fotografata è un libro originale e coraggioso, che propone un nuovo modo diraccontare, unendo la suggestione dei componimenti brevi all’estemporaneità degli scattifotografici; le sue pagine accompagnano il lettore in un viaggio emotivo che si snoda tra parole eimmagini, come quando si accorda uno strumento, ogni nota al suo posto, ogni suono sulla sillabaadatta, tra le unità memoriali che formano il nucleo di questo volume, in sinergia precisa con tutti isensi di cui l’essere umano dispone” (…) (dalla prefazione di Silvia Elena Denti, scrittrice, poetessaed editrice.)

Disponibile on line:
e in tutte le librerie , Edizioni Divinafollia, pp.150

__________________
Tania Piazza
Nata e cresciuta nella provincia vicentina, è da sempre una grande appassionata di letteratura classica,
moderna e contemporanea. La scrittura nasce presto, come naturale evoluzione alla lettura, e diventa lostrumento per dare voce alle emozioni e narrare della Vita, perché scrivere è un altro modo per parlare, solo più silenzioso. Nella fotografia coglie la stessa attitudine: ecco perché ama osservarla e mettersi all’ascolto dei vari suoni che produce, per trasformarli in racconti. Nel 2013 ha pubblicato il romanzo “La cura delle parole”; nel 2015 il secondo, “Com’è bella la nebbia quando cade”.

Ivano Mercanzin
Inizia il suo percorso artistico nel 2012 quando la passione per la fotografia arriva d’improvviso. Osservandopaesaggi e metropoli, strade e persone, raccoglie ricordi e narra storie con le sue immagini. “Venezia”,“Terra Madre”, “Coney Island”, “The Face (s) of NYC”, “21 grammi” sono alcuni dei suoi progetti. Numerosele mostre: a Vicenza, Verona, Roma, Bologna, Taranto, Malta, New York, Bangkok, Marsiglia.
Share:

0 commenti:

Posta un commento

Se ti è piaciuto il post, lascia un segno del tuo passaggio e unisciti ai lettori fissi del blog!