sabato 25 agosto 2018

Recensione - Aristotle and Dante discover the secrets of the Universe


Buon salve Rumors!
Mettetevi comodi, perchè oggi ho bisogno di aprirvi il mio cuore con questo libro. 


Aristotle and Dante discover the secrets of the Universe
di Benjamin Alire Sàenz
________________________________
Pagine: 359
Prezzo: € 7,56

This Printz Honor Book is a “tender, honest exploration of identity” (Publishers Weekly) that distills lyrical truths about family and friendship.


Aristotle is an angry teen with a brother in prison. Dante is a know-it-all who has an unusual way of looking at the world. When the two meet at the swimming pool, they seem to have nothing in common. But as the loners start spending time together, they discover that they share a special friendship—the kind that changes lives and lasts a lifetime. And it is through this friendship that Ari and Dante will learn the most important truths about themselves and the kind of people they want to be.


Mentre leggevo Aristotle and Dante ho pensato a una canzone, una canzone che amo, che mi scioglie il cuore, che abbatte tutti i miei muri: Saturn degli Sleeping at Last. 


Non so se avete mai sentito questa canzone (ve l'ho linkata), ma ogni volta che la ascolto sento l'impressione, oltre che il profondo desiderio, di ritrovarmi in mezzo a un deserto, con un cielo stellato sopra la testa da mozzare il fiato, con il silenzio della notte, con l'amore per la vita, con una dolce melanconia che solo un abbraccio può curare davvero. E' un misto di meraviglia, verità esistenziali nascoste e tristezza per l'incapacità di comprendere davvero tutto quello che ci circonda e i segreti dell'Universo. Leggere Aristotle and Dante è stato esattamente così. 

A raccontarci la storia è Ari, un ragazzino messicano che conosciamo nella tenerà età di quindici anni, in una fase della vita in cui odia tutto e tutti. Ma come biasimarlo? 
La sua è una vita particolarmente solitaria: un fratello in prigione di cui non si parla mai come se fosse morto, due sorelle che sono troppo grandi per capire, o forse semplicemente ricordare, come ci si sente a 15 anni, un padre tornato dalla guerra nel Vietnam che non è molto eloquente perchè impegnato a combattere e seppellire i demoni e le ombre che si porta dietro da quel periodo nero, una madre che sembra incanalare uno spiraglio di luce e di speranza nel suo mondo, e la totale assenza di amici.

Tuttavia, durante una di quelle che sembrava un'interminabile giornata di routine estiva in piscina, Ari incontra Dante, un ragazzo della stessa età, che gli propone di insegnargli a nuotare. E' solo una domanda, un approccio apparentemente insignificante, adorabilmente spontaneo, che rappresenta l'inizio di questo splendido romanzo e di un'amicizia che colpisce dritto al cuore come una freccia di Cupido. 

L'amicizia di Dante, giorno dopo giorno, diventa per Ari un'ancora di salvezza, un mezzo di scoperta della propria persona e della vita, oltre che qualcosa di veramente, veramente, speciale. 
That afternoon, I learned two new words. "Inscrutable". And "Friend". 
Words were different when they lived inside of you. 
Raccontarvi quello che succederà da questo momento in poi tra Ari e Dante mi risulta complesso come poche cose nella vita, sia perchè il rischio spoiler è altissimo sia perchè è uno di quei libri che non si può commentare, non si può descrivere o raccontare. Non bastano le parole, non so neppure se esistono. E' un libro delicato, sincero, spontaneo, coinvolgente, commovente, dolcissimo, speciale. Ho terminato la lettura con gli occhi lucidi, non lo nascondo. 
Ari e Dante sono due ragazzi molto diversi caratterialmente, ma le loro strade si sono incrociate e sembrano aderire alla perfezione. La loro condivisa quotidianità li porta alla ricerca e alla scoperta dei segreti dell'universo, passando per momenti così difficili che colpiscono chi legge come un pugno allo stomaco, fino a quando non emerge quello che è l'unico vero segreto dell'Universo: L'amore
Sono passati secoli, ma Dante Alighieri aveva già c'entrato il punto nel XXXIII Canto del Paradiso: L'amor che move il sole e l'altre stelle.   

Ho adorato questo romanzo, ne sono praticamente innamorata. I personaggi sono fantastici. Ben delineati psicologicamente, tanto ben strutturati da pensare di conoscerli davvero. Incarnano delle piccole sensazioni che li rendono concreti e universali come dei vestiti da indossare. Non credo che possa esistere qualcuno incapace di rivedersi in almeno uno dei protagonisti descritti. La vicenda è bellissima, ma ciò che permette un incastro perfetto tra tutti gli elementi è lo stile. Benjamin Alire Saenz entra assolutamente nella mia Top 10 di autori preferiti. Definire poetico il suo stile è decisamente riduttivo. Ha una penna ammaliante, dolce, sinuosa come una ninna nanna di cui non vuoi più fare a meno, ma allo stesso tempo importante nella trasmissione delle emozioni. La connessione protagonisti-lettore è immediata già dalle prime righe, e vi terrà incollati per tutta la narrazione, fino a quando non vi ritroverete a leggere l'ultima parola con profonda nostalgia. Il suo inglese semplice e sintatticamente elementare vi accompagnerà in una splendida unione dell'utile e il dilettevole. 
Se avete amato YA come Colpa delle Stelle,  Io Prima di Te, Ricordati di Guardare la Luna, pensando che fossero tra i libri più belli e poetici in circolazione, non potrete non amare Aristotle and Dante discover the Secrets of the Universe
Benjamin Alire Saenz ha avuto la straordinaria maestria di creare qualcosa di magico. 

Nessun commento:

Posta un commento

Se ti è piaciuto il post, lascia un segno del tuo passaggio e unisciti ai lettori fissi del blog!

THEME BY RUMAH ES